Reato di tortura nella legislazione italiana

FAVOREVOLE O CONTRARIO?

PRO\VERSI

Con la legge 14 luglio 2017 n. 110, pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n.166 del 18 luglio 2017, l'Italia regolamenta, per la prima volta, il reato di tortura sul proprio territorio.
La legge, risultato di alcuni tentativi iniziati con molto ritardo rispetto alla Convenzione di New York firmata il 10 dicembre 1984 (entrata in vigore il 26 giugno 1987 e ratificata dall’Italia con legge 3 novembre 1988, n.4981), risponde alla condanna ricevuta il 7 aprile 2015 da parte della Corte europea dei Diritti dell’Uomo (CEDU) di Strasburgo per le torture subite da Arnaldo Cestaro durante il G8 di Genova nel luglio del 2001, durante il blitz della Polizia di Stato all'interno della scuola Diaz (sentenza Cestaro).
Tra gli argomenti discussi, la possibilità o meno che la legge sia in disaccordo con la Convenzione del 1984 e l'efficacia o meno nel tutelare sia le vittime che i rappresentanti delle forze dell'ordine che svolgono il proprio lavoro in modo legittimo, senza penalizzare nessuna di queste due figure.

no-image

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

GARANTISMO

RESPONSABILITà CIVILE DEI MAGISTRATI

 
01

La legge italiana sul reato di tortura tutela sia le vittime che i membri delle forze dell'ordine che svolgono il proprio lavoro in modo legittimo

FAVOREVOLE

Un aspetto fondamentale della legge 14 luglio 2017 n. 110 è il suo equilibrio nel tutelare sia le vittime che i rappresentanti delle forze dell'ordine che svolgono il proprio lavoro in modo legittimo.
Innanzitutto, introduce il concetto di “dolo generico”, ossia: il pubblico ufficiale è punito a prescindere dallo scopo che si fosse eventualmente preposto (ovviamente anche se si propone uno scopo, come ad esempio quello di ottenere dichiarazioni).
Inoltre, è una la legge che va a colpire comportamenti individuali, e non è dunque una legge contro le forze di polizia, in quanto viene introdotto anche il concetto di reato comune, perché spesso vessazioni, soprusi fisici e psicologici, sono attuati anche da persone normali.

CONTRARIO

In Italia, il reato di tortura porta con sé un pesante fardello di disprezzo ideologico: il desiderio di dare una punizione alle forze di polizia e agli operatori, vendetta da parte di chi non ama le divise e non le vuole.
Da qui la legge 14 luglio 2017 n. 110, una legge che non punisce la tortura ma che serve solo a criminalizzare le forze dell'ordine, esponendo i poliziotti a denunce strumentali, dal momento che ogni criminale potrà ricorrere alla denuncia per tortura anche solo per esser stato arrestato con troppa irruenza.
Il rischio è anche l'effetto “disarmo psicologico” delle forze dell'ordine, che potrebbero non sentirsi più sereni nello svolgere il loro lavoro.
Tutto ciò deriva da un'inversione culturale: lo Stato ormai difende chi commette reati rispetto a chi tutela i cittadini. Un'ipocrisia, un'inversione della logica che va combattuta attraverso una legge sulla tortura migliore di quella varata attualmente.

 
02

La nuova legge 14 luglio 2017, n. 110 introduce finalmente in Italia il reato di tortura, nel rispetto della Convenzione del 1984

FAVOREVOLE

La legge 14 luglio 2017, n. 110 è una legge fondamentale e necessaria, in quanto, a distanza di 33 anni dalla Convenzione di New York (1984) e a 2 anni dalla condanna dell’Italia da parte della Corte di Strasburgo per i fatti avvenuti alla scuola Diaz durante il G8 di Genova del 2001, si introduce finalmente il reato di tortura: un passo di civiltà giuridica a tutela dei cittadini.
Tale legge rappresenta il giusto compromesso tra la definizione del reato e la precisazione che non debba essere considerata tortura l'azione di un pubblico ufficiale nell'ambito della legittimità delle sue funzioni, ma solo quando ci sia l'aggravante dell'abuso di potere.
Gli articoli 613-bis e 613-ter disciplinano rispettivamente il delitto di tortura e la condotta del pubblico ufficiale o dell’incaricato di pubblico servizio che istiga altri alla commissione del fatto. Lo Stato italiano recepisce la figura della tortura del pubblico ufficiale ma amplia l'istituto estendendolo anche ai privati. In questo modo il reato può essere contestato anche ad altri (ad es. agli scafisti), in generale può essere applicato in tutti quei contesti in cui si sottopone taluno a violenza per il piacere di fargli del male.

CONTRARIO

La legge 14 luglio 2017, n. 110 è piena di falle e diverge da quanto stabilito dalla Convenzione di New York del 1984 in materia di tortura. Affinché si possa accusare qualcuno di tortura occorre che la persona abbia ripetutamente compiuto atti di grave violenza o abbia sottoposto la vittima a trattamenti inumani e degradanti. La legge prevede che la tortura psicologica esista solo nei casi in cui si possa stabilire che la vittima ha subito un trauma psicologico, anche se i processi possono avvenire a distanza di 10 anni dal reato.
Si teme che alcuni casi di tortura non potranno essere perseguiti, creando delle potenziali scappatoie per l’impunità. Ad esempio, l'attuale normativa non avrebbe permesso di perseguire i torturatori di Bolzaneto (caserma in cui sono avvenute torture durante il G8 di Genova del 2001).
La legge potrà compromettere l’efficacia del respingimento di chiunque possa paventare un generico rischio di essere sottoposto a tortura nel proprio paese, creando un ostacolo in materia di rimpatrio dei migranti, non permettendo di distinguere, in modo chiaro, i paesi che applicano la tortura in maniera estesa e sistematica da quelli nei quali i casi sono dovuti ad abusi.

Loading…
Loading…
Loading…
Grazie per la tua opinione
Condividi e fai conoscere la tua opinione
Loading…