Bitcoin

FAVOREVOLE O CONTRARIO?

PRO\VERSI

Tra il 2008 e il 2009 nasce la criptovaluta Bitcoin per opera di Satoshi Sakamato, probabilmente uno pseudonimo usato da uno o più programmatori, ed evolutasi poi, a partire dal I agosto 2017, per opera di un gruppo di sviluppatori delusi, in bitcoin cash (BCC).
Una criptomoneta è una valuta digitale creata per mezzo di computer che processano un algoritmo. Questa funge da moneta nel realizzare pagamenti online. E'quindi il frutto di sofisticati e complessi calcoli matematici implementati attraverso la crittografia. La creazione e lo scambio di bitcoin avvengono attraverso il protocollo peer-to-peer ed esistono imprese di trading online la cui attività è incentrata sulla conversione delle monete virtuali in denaro contante. Secondo il documento ufficiale rilasciato dallo stesso creatore del bitcoin, Satoshi Sakamoto, la funzione principale della moneta è quella di permettere ai suoi utilizzatori di realizzare transazioni senza l’intervento di un’istituzione finanziaria che faccia da terzo garante e che per questo imponga un prezzo addizionale alla transazione per il servizio svolto.
Il bitcoin ha riscosso un successo eclatante (nel 2017 il valore di 1 bitcoin ha superato i 2000 dollari), attirando l’attenzione delle istituzioni finanziarie ufficiali, degli Stati e dell’opinione pubblica. Il bitcoin è accusato dai suoi detrattori di essere il mezzo d’azione privilegiato di speculatori e grandi corporation, nonché una moneta usata da criminali per l’anonimato nei pagamenti.

no-image
 
01

Il bitcoin sta riscrivendo i mercati finanziari mondiali e si candida a diventare un modello di moneta alternativo al vigente

FAVOREVOLE

Il bitcoin prende sempre più piede nei mercati finanziari mondiali, proponendosi come una nuova forma di moneta sicura, veloce da trasferire e che non genera eccessivi costi di gestione. Favorirebbe lo sviluppo soprattutto di piccole-medie imprese e start-up e libererebbe, nella sua accezione più “rivoluzionaria”, le persone dal giogo finanziario imposto dalle tradizionali politiche monetarie.
Storicamente, governi e banche hanno sempre avuto il controllo sulla moneta, facendosi garanti delle transazioni economiche e imponendo così la fiducia verso il loro sistema. Il bitcoin ha invece alla sua base un sistema trustless: due persone fisiche che stanno effettuando una transazione economica non avranno più bisogno di demandare la loro fiducia a un ente terzo che faccia da garante, perché le garanzie verranno fornite dai medesimi calcoli crittografici che generano le monete elettroniche e regolano il loro funzionamento. 

CONTRARIO

BCE e Banca d’Italia ritengono il bitcoin una vera e propria minaccia potenziale alla stabilità finanziaria dell’Europa e alla sua politica monetaria. Secondo il giornalista Alessandro Plateroti, una volta che le istituzioni monetarie mondiali decideranno finalmente di muoversi in un fronte unitario e determinato contro il pericolo insito nelle virtual currency, daranno vita a una guerra senza frontiera. Per i detrattori del bitcoin, inoltre, i rischi insiti nella moneta virtuale sono molti anche per i singoli cittadini che vi investono. L’impalpabilità del mondo delle virtual currencies, infatti, si traduce in un’impossibilità nel reperire informazioni sicure circa il valore, i costi e il funzionamento di ogni singolo tipo di valuta virtuale. L’anonimato alla base delle transazioni realizzate in bitcoin, inoltre, non permette di potersi avvalere, nel caso, ad esempio, di una compravendita non andata a buon fine, del diritto di risarcimento previsto da un quadro giuridico di riferimento normalmente applicabile nei sistemi di pagamento tradizionali. Le stesse transazioni in bitcoin sarebbero pertanto irreversibili.

 
02

Il bitcoin si presta bene a utilizzi illeciti

FAVOREVOLE

Non sei d'accordo con questa tesi?

Controbatti
CONTRARIO

I detrattori del Bitcoin e, in generale delle criptovalute, muovono accuse legate al grande utilizzo che se ne fa nel mondo criminale, per via delle sue caratteristiche, che lo rendono uno strumento appetibile per atti illeciti. Innanzitutto per l’anonimato. Le transazioni effettuate con i bitcoin non sono soggette alla giurisdizione degli Stati e quindi non hanno bisogno di essere autorizzate da un ente terzo: ciò garantisce l’anonimato alle persone che le stanno realizzando.
In secondo luogo, le transazioni vengono effettuate in pochi secondi (per evitare di essere intercettate) e sono irreversibili. Le operazioni realizzate con i bitcoin non hanno limiti quantitativi né limiti geografici: sfruttando le potenzialità della rete internet possono essere realizzate in pochi secondi. Per tutti questi motivi le autorità giudiziarie non riescono a tracciare i flussi finanziari. Il caso più eclatante di utilizzo di bitcoin per atti illeciti è rappresentato dalla vicenda del sito Silk Road, vero e proprio Amazon per vendita e acquisto di droga, armi e pornografia. Il sito, che era raggiungibile tramite Tor nel Deep Web, è stato chiuso nel 2014 e il creatore è stato arrestato.

Loading…
Loading…
Loading…
Grazie per la tua opinione
Condividi e fai conoscere la tua opinione
Loading…